News

SQL Server: consigli utili per costi bassi e prestazioni elevate

Il supporto esteso di Microsoft per SQL Server 2008 e 2008 R2 termina in poco meno di un anno. Quali opzioni sono disponibili, se stai ancora utilizzando una di queste versioni?

Microsoft offre una serie di fasi di supporto per le versioni di SQL Server. Il supporto Mainstream copre gli anni 0-5 e risolve problemi funzionali e di sicurezza. Il supporto esteso copre gli anni 6-10 e risolve anche problemi funzionali e di sicurezza. Dopo la fine del supporto esteso, ci sono un paio di altre opzioni. Uno offre aggiornamenti di sicurezza per altri tre anni gratuitamente; tuttavia, secondo i termini di questo accordo, i carichi di lavoro devono essere spostati nel cloud di Azure.

Un’altra opzione è che è possibile acquistare aggiornamenti di sicurezza estesi per il 75% dei costi di licenza all’anno per un massimo di tre anni. Questo nuovo piano di aggiornamento della sicurezza estesa pagato richiede Software Assurance e può essere applicato solo alle versioni attualmente supportate di SQL Server (ad esempio, SQL Server 2008 e versioni successive).

Naturalmente, è sempre possibile non fare nulla prima della scadenza del 9 luglio 2019, ponendo quindi i sistemi a rischio di conformità normativa, legale e di sicurezza.

Se stai pensando di perseguire il percorso di aggiornamento, ci sono alcune considerazioni molto importanti. La prima domanda è quella di quale versione scegliere. Probabilmente verranno prima i requisiti IT, ovvero i requisiti di elevata disponibilità (HA) e disaster recovery (HA / DR) della tua organizzazione. Se è necessario conservare tutti i dati in loco o un cloud pubblico è un’opzione praticabile e il numero di core da acquistare o rinnovare deve essere considerato. Naturalmente, il budget è quasi sempre una considerazione chiave anche. È inoltre necessario tenere conto dei tempi di inattività per i test e della migrazione stessa. Conoscere queste considerazioni può aiutarti a fissare obiettivi per l’aggiornamento. Due degli obiettivi includeranno probabilmente la riduzione al minimo del costo aggiornando il minor numero di core possibile, e l’aggiornamento all’edizione meno costosa che soddisfi i requisiti di funzionalità e prestazioni. Un altro obiettivo potrebbe essere quello di ridurre al minimo gli aggiornamenti per ridurre al minimo i tempi di fermo.

Non ti devi preoccupare! Non devi farlo da solo! Esistono strumenti che consentono di semplificare e garantire migrazioni rapide e accurate da SQL Server 2008 / R2. Anche qui, hai delle scelte da fare. In un mondo perfetto, ovviamente vorrai una soluzione che includa funzionalità di alta disponibilità (HA) e disaster recovery (DR) integrate. E se anche il controllo / riduzione dei costi è un obiettivo primario, è necessario ridurre al minimo il numero di core che è necessario aggiornare. Pertanto, si dovrebbe cercare una soluzione che aiuti anche con il consolidamento. Evitare Microsoft Enterprise Edition aiuterà anche a minimizzare i costi, quindi cerca una soluzione che permetta e abiliti cluster di nodi 3+ ​​su qualsiasi edizione. Ciò potrebbe probabilmente farti risparmiare il 25-60% dei costi e garantire anche i più alti livelli di disponibilità.

Scopri i nostri corsi in ambito di Database